domenica 24 gennaio 2021

IL DISEGNO DI FANTASIA

Il disegno di fantasia, cioè quell'opera artistica che possiamo definire di invenzione, è di fatto una creazione del nostro spirito, nella quale il "vero" e la natura sono solo il punto di partenza. 

La fantasia esiste, e ci guida nell'esplorazione della nostra immaginazione, ma per essere applicata all'arte in modo efficace, essa deve essere nutrita e sollecitata mediante l'osservazione attenta della realtà.


IL DISEGNO DI FANTASIA - Marc Chagall Blog artistah24
Marc Chagall 

Come educare dunque la nostra fantasia per fare in modo che sia sempre disponibile quando ci accingiamo a lavorare su un disegno o su un quadro a olio?

Scrive nel XI secolo il pittore cinese Sung Ti:

"Dovreste prendere un vecchio muro in rovina e gettarvi sopra un drappo di seta bianca. Poi, lo dovreste guardare intensamente mattina e sera finché, a lungo andare, non riuscirete a vedere il muro attraverso la seta, a scorgerne le prominenze, le parti piane, le sinuosità e le sfaldature, serbandole nella vostra mente e fissandole nei vostri occhi. Fate delle prominenze le vostre montagne, della parte bassa la vostra acqua, delle cavità le vostre rovine, dei crepacci i vostri fiumi, delle parti più chiare i8 vostri punti più lontani, di quelle più scure i più vicini. Assimilate profondamente in voi tutte queste cose e ben presto vedrete uomini, piante alberi volare e muoversi in mezzo ad esse. Potrete allora muovere il pennello a vostro piacimento e il risultato sarà celeste, non umano."

 

La testimonianza di questo autorevole pittore cinese, così come lo stesso concetto espresso anche da Leonardo da Vinci secoli dopo, ci fa capire che la fantasia, se lasciata libera di fluire, può offrire dei risultati sorprendenti.


Approfondisci con l'articolo: Leonardo da Vinci - la pittura in 10 punti


L'INVENZIONE NEL DISEGNO

Una straordinaria caratteristica del disegno è quella di aiutarci a rappresentare un'idea. L'idea, questa affascinante e misteriosa cosa che nasce dentro di noi, può essere resa nota agli altri attraverso le parole, la musica, la scultura, il cinema oppure mediante un'immagine disegnata.

Dal punto di vista fisico, è noto che quando vediamo una certa cosa, un oggetto o un paesaggio, l'immagine reale proiettata sulla retina dell'occhio viene, attraverso il nervo ottico, recepita dal cervello.  Procedimento analogo segue l'immagine solo da noi pensata, quindi "immaginata" che, attraverso un affascinante quanto misterioso procedimento, viene anch'essa trasferita sulla retina e trasformata in una "visione mentale".

L'immagine che vediamo con gli occhi della fantasia (il terzo occhio di cui parlava, tra gli altri, anche Picasso) è una finestra affacciata sul nostro mondo interiore.

E' poi attraverso il disegno che possiamo far emergere quell'immagine (reale o mentale che sia) comunicandola agli altri.

Il disegno di invenzione si pone quindi in relazione diretta con il disegno dal vero, dal quale differisce solo attraverso la fonte, che non è più la realtà "vera" ma la nostra realtà interiore immaginata attraverso l'uso della fantasia.

Anche il disegno di fantasia prende le mosse dal vero; nulla è mai totalmente di sola e pura fantasia. In ogni caso l'origine è sempre la natura.

Può essere un vero e una natura, stilizzata, artefatta, rivisitata e reinventata, trasformata e trasfigurata, ma pur sempre con un fondo di realtà in essa contenuto.

Del resto, affermava F. Nietsche

"l'arte nasce dall'unione di due elementi: un grande realismo e una grande irrealtà"
e il disegno artistico di fantasia contiene entrambi questi elementi.

Un artista degno di questo nome, non si limiterà certo alla mera riproduzione fotografica di un soggetto, ma cercherà sempre di infondere nel disegno il proprio spirito, attraverso la rielaborazione dell'immagine nutrita dalla sua fantasia. 

E' attraverso un disegno "idealizzato", "stilizzato" o come vogliamo definirlo, che si otterrà un risultato artistico. 


Leggi anche l'articolo: Come dipingere un quadro impressionista - tecnica e metodo


FANTASIA E DISEGNO

Ma cosa si intende per fantasia? E' quella capacità umana di pensare ad una cosa non esistente creandola nella nostra testa. 

E come funziona la fantasia, l'invenzione e la creatività? Tramite la fantasia può nascere un'idea, e dall'idea far scaturire un'opera d'arte.

Per quanto riguarda il disegno è attraverso la fantasia che possiamo creare un disegno d'invenzione, non osservandolo nella realtà ma immaginandolo nella nostra testa. 

Cercando di ordinare il processo che prende avvio dall'idea per giungere sino al disegno tracciato su un foglio di carta, possiamo stabilire che:

  • La fantasia è il primo momento del procedimento, e con la sua assoluta libertà d'azione, è libera di pensare a qualunque cosa, anche la più improbabile e lontana dal vero, al di fuori di un qualcosa di  realizzabile o di davvero funzionante (qui esaminiamo la fantasia applicata al fare artistico e non all'invenzione di oggetti pratici o scientifici, dove peraltro la fantasia è comunque presente e ricopre sempre un ruolo di importanza fondamentale per la realizzazione di qualunque progetto ambizioso)
  • L'idea, scaturita dalla nostra fantasia, è poi attraverso l'immaginazione, cioè la capacità di visualizzare l'idea all'interno della nostra mente, che potrà prendere forma su di un foglio da disegno, proprio come se osservassimo un paesaggio, una scena o un oggetto reale. Come ciò possa avvenire è un procedimento che presenta ancora i caratteri del mistero, persino per i neuroscienziati che del tutto non hanno ancora potuto spiegare i veri meccanismi che sottostanno alla creazione di un'immagine mentale, che probabilmente compie il percorso inverso rispetto all'immagine reale: cioè parte dal cervello e percorrendo il nervo ottico va ad imprimersi sulla retina.
  • La mano che traccia il disegno, è l'atto finale del processo che stiamo esaminando. Entrano in gioco, in questa fase, l'osservazione dell'immagine (seppur solo dal profilo mentale) e la nostra capacità di realizzare con il tratto quella stessa immagine che abbiamo solo immaginato, rendendola in tal modo visibile agli altri.

A cosa serve dunque, esaminare e comprendere il processo legato alla fantasia? La consapevolezza del suo funzionamento e dei meccanismi che la attivano, può stimolare l'artista ad arricchire la propria mente di conoscenze, che poi utilizzate in modo inaspettato ed inusuale potranno trasformarsi in idee da tradurre in opere artistiche.

E' proprio dalle relazioni tra le conoscenze che ciascuno immagazzina dentro di se, che si sviluppa la fantasia; giocando con queste relazioni, capovolgendole, accostandole in modo inusuale.

Secondo Bruno Munari, scrive De Fiore nel suo corso di disegno e pittura, i principali atti di fantasia nascono dalle operazioni "fatte nella memoria mettendo in relazione i dati noti"  e possono essere attuati in diversi modi:

  • rovesciare una situazione
  • pensare al contrario
  • la ripetizione di qualcosa
  • le relazioni tra affinità visive o funzionali
  • il cambio di qualcosa (ad esempio il colore o il materiale)
  • l'assemblaggio di elementi diversi
  • due o più di queste relazioni messe insieme
Naturalmente alla base di tutto ci deve essere un'idea, che poi con l'ausilio della fantasia (supportata dalle conoscenze a dalle relazioni tra esse) possa tramutarsi in un disegno o altra opera d'arte.


INVENTARE CON IL DISEGNO

Filippo Baldinucci nel Vocabolario toscano dell'arte del disegno definisce l'invenzione così:

"Ritrovamento, trovato. I nostri artefici (artisti) dicono invenzione non solo quella facultà, che è nell'ottimo Maestro, di rappresentare con chiarezza e proprietà, quella inventiva, o storica, o poetica o mista che sia, in tal modo che, e nel tutto, e nelle parti, apparisce tale, quale egli stesso ha voluto che essa sia; ma ancora dicono invenzione alla stessa cosa rappresentata, e dicono buona e cattiva invenzione la cosa stessa inventata; siccome buono, e cattivo, inventore chiamano colui che l'inventò."

Quando parliamo di invenzione pensiamo subito a qualcosa che non esiste, e che ora diviene disponibile per la nostra utilità o uso quotidiano. Ma il concetto di "invenzione" è molto più ampio, e comprende l'infinito campo dell'immaginazione, della capacità di pensare sino ad abbracciare il disegno artistico e l'opera d'arte in generale.

Una delle facoltà più belle del disegno è quella di consentire di disegnare ciò che si vuole, sia che derivi dalla realtà oppure dalla nostra mente, l'idea di un attimo come quella elaborata per giorni, una cosa ben conosciuta come una cosa che non si conosce se non attraverso l'immaginazione. Insomma, con il disegno possiamo dar vita a qualcosa che ancora non esiste.

E' molto divertente e stimolante inventare con il disegno! E le fasi per fare ciò sono due:

  1. PENSARE A COSA VOGLIAMO DISEGNARE
  2. DISEGNARLO LIBERAMENTE a matita, pennarello, penna, acquarello, olio o qualunque altra tecnica ci aggrada, per rendere sulla carta ciò che abbiamo pensato in modo da poterlo vedere.

Provate dunque ad inventare le cose più diverse, semplici e immediate, come anche quelle un po' più complesse e strane. Per fare un esempio provate a disegnare :

  • una nuova disposizione della vostra casa, oppure solo della camera o della cucina
  • la possibile organizzazione e disposizione del vostro studio da artista
  • oppure solo del tavolo di lavoro
  • una decorazione per una carta da parati
  • una automobile avveniristica
  • la casetta sull'albero
  • un personaggio per una fiaba per bambini
  • un personaggio di fumetto noir
  • un paesaggio di una città immaginaria, oppure di un luogo di montagna, lago o mare solo immaginato
  • un meraviglioso giardino fiorito
  • un abito straordinario da indossare in una occasione speciale
  • un sogno che avete sognato la notte precedente
  • una situazione strana ed inventata di sana pianta!

Con quale metodo disegnare e come disegnare? Semplicemente lasciando scorrere sul foglio di carta la matita sulla base di ciò che la nostra fantasia sta immaginando.



Continua leggendo l'articolo: I materiali e il metodo di disegno


***

Bibliografia:

DIPINGERE - Corso di pittura e disegno di Gaspare De Fiore - Fabbri Editori


Leggi anche l'articolo: La tecnica pittorica di Michelangelo


Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo articolo ti chiedo la cortesia di condividerlo :-)

IL DISEGNO A SCHIZZO

Che cosa si intende per schizzo ? Qual' è lo scopo di questa particolare tipologia di disegno che, essendo immediato e veloce ,   è cost...